Il negozio di caramelle vietato agli adulti

Il negozio di caramelle vietato agli adulti

Un percorso tra bon bon e dolcetti riservato ai più piccini. L’ha ideato un pasticcere giapponese per stimolare il dialogo tra genitori e figli

Pinterest
stampa
Blond girl reaching into a sweet jar
Sale&Pepe

Susum Koyama è uno chef che vive e lavora a Sanda (una città della prefettura di Hyogo). Nella sua gigantesca pasticceria ha creato la Future Sweets Factory, uno spazio speciale dove possono entrare solo i bambini (minori di 12 anni). L’ingresso d’altronde, una specie di uovo a pois colorati, ha un pertugio che non lascia spazio a dubbi: di lì gli adulti non ci passano. In quest’area i piccoli possono gustare liberamente variopinte caramelle e dolcetti esclusivi, ma non si tratta di una semplice merenda. Assistono infatti anche alle fasi di lavorazione delle torte e si spostano lungo un percorso ludico ideato su misura, con le sagome dei personaggi a loro cari. Il tutto in totale libertà, lontano dallo sguardo vigile e spesso condizionante dei genitori, che sono relegati in una sala attigua e ingannano l’attesa rimpinzandosi di Matteru, soffici biscotti farciti.

Alla fine, una volta raggiunti mamma e papà, i bimbi verranno invitati a raccontare la loro esperienza. E qui sta il dolce pensiero di Susum Koyama, stimolare il dialogo tra genitori e figli, sempre più lontani da un punto di vista psicologico, spesso schiacciati dalla mancanza di tempo. Così ci ha pensato lui a creare una zuccherosa parentesi tra un impegno e l’altro, un tempo privilegiato per vivere un’esperienza in totale autonomia e poi potersela raccontare.

Di sicuro il pasticcere di Sanda ha visto anche un business in questa trovata sociogastronomica, soprattutto se si pensa che il nome Future Sweets deriverebbe dal fatto che i dolcetti per i bambini non sono ancora in commercio, ma forse lo saranno… Che sia un modo per testarli? È altrettanto sicuro, però, che la sua idea piace, che genitori e figli si divertono e che, e se avessimo un Koyama italiano, andremmo anche noi a trovarlo.

Cristiana Cassé
29 agosto 2014

Condividi

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it