Funghi: raccolta record fuori stagione

Funghi: raccolta record fuori stagione

Il maltempo che affligge l’Italia ha un risvolto positivo e goloso: una raccolta straordinaria con un mese in anticipo

Pinterest
stampa
Funghi porcini
Sale&Pepe

Le continue piogge incessanti hanno determinato gravi danni all'agricoltura e ingenti perdite per il turismo ma uno straordinaria boom di funghi. Un'estate "autunnale", in particolare al nord, con i mesi di giugno e luglio molto piovosi, stanno portando una strepitosa stagione di "caccia" con un mese in anticipo.

Da un monitoraggio della Coldiretti, queste incessanti perturbazioni hanno anticipato e favorito la nascita e crescita di miceti. La previsione, rispetto all'annata scorsa, è di un raccolto strepitoso tra porcini, finferli, trombette, chiodini e le altre numerose specie. La stima è che negli oltre 10 milioni di ettari di bosco che coprono un terzo dell'Italia si realizzi una produzione di circa 30mila tonnellate.

Uno svago, un hobby per molti vacanzieri con conseguente incremento del turismo nelle aree boschive che diventa fonte di reddito per i "professionisti" del fungo che possono così approvvigionare negozi e ristoranti di queste delizie.

Un avviso importante, spiega la Coldiretti, è non improvvisare. Seguire e rispettare le regole e i vincoli per la raccolta funghi imposte nei vari territori. Obbligatorio è utilizzare la cesta di vimini e non le buste di plastica, informarsi, in caso di dubbi, presso i Comuni o le Unioni Micologiche del territorio.

La crescita del turismo ecologico nelle aree verdi - continua la Coldiretti - interessa anche gli agriturismi in aumento del 57% negli ultimi 10 anni con il record di 20474 aziende. Ma qual è la rivoluzione legata al verde? L’agriturismo, conclude la Coldiretti, non è più considerato un posto dove mangiare soltanto ma un vero e proprio luogo di vacanza dove trovare servizi quali escursionismo, equitazione, mountain bike, trekking, fattorie didattiche per i piu’ piccoli e corsi di cucina, orto o ricerca e riconoscimento dei funghi.

Ecco alcune semplici regole per la corretta raccolta dei funghi.
Non raccogliere tutti gli esemplari per consentire maturazione e produzione delle spore necessarie per riprodursi.
Non tagliarli alla base o, peggio ancora, piantare la punta del coltello o del bastone per toglierli dal terreno.
Usare entrambe le mani: una fa ruotare il gambo e sfila il fungo dal terreno tenuto fermo dall'altra.

Qui potete trovare le regole di raccolta e le autorizzazioni necessarie in Lombardia.
Qui potete scaricare una guida alla prevenzione delle intossicazioni del Ministero della Salute.
Buona raccolta!

Diego Stadiotti
29 luglio 2014

Condividi

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it