Aggiornamento disponibile!
Fai tap sul pulsante AGGIORNA per aggiornare la Web App.

AGGIORNA ANNULLA

Installa la Web App Le ricette di Sale&Pepe sul tuo iPhone.

Fai tap su Installa Web App e poi Installa Web App "Aggiungi a Home".

Sei offline, alcune risorse potrebbero non essere disponibili. Verifica la connessione.

Kiwi: benefici e idee per usarlo in cucina

Kiwi: benefici e idee per usarlo in cucina

Leggero, ricco di vitamine e dolcissimo di natura: il kiwi è un frutto dalle mille virtù sempre più amato e utilizzato in cucina per ricette dolci e salate.

Pinterest
stampa
frutta kiwi verdi e gialli
Sale&Pepe

Polpa morbida e succosa, gustoso e nutriente, il kiwi è senz'altro il frutto che arricchisce i nostri piatti nella stagione invernale, oltre a regalarci quella sensazione di freschezza a fine pasto. 

Comunemente riconosciuto come un frutto, il kiwi è in realtà una bacca commestibile, prodotta da numerose specie di liane del genere Actinidia, famiglia delle Actinidiaceae. Due sono le principali varietà: quella verde e quella gialla (o gold). La prima, la più diffusa, quella che tutti conoscete, ha la forma simile ad un uovo o perchè no anche a una piccola patata. La varietà gold, invece, ha forma più allungata, la polpa è gialla e non ha pelucchi sulla buccia. Esistono altre varietà, ma sono poco diffuse, come quello con la polpa rossa e la buccia color mattone. L'avete mai assaggiata?

IL LUNGO VIAGGIO

Se pensiamo al kiwi ci viene in mente un paese sempre molto lontano. Infatti il suo luogo di origine, o meglio dire, della sua pianta, la Actinidia chinensis, è proprio la Cina, dove ancora oggi cresce selvatica nelle macchie e nelle boscaglie lungo il fiume Yang-Tze, sviluppandosi come una liana rampicante, che si appropria di interi alberi e di grandi rocce. Sin dal 1200 a.C., all'epoca della civiltà Ming, il suo frutto era considerato una prelibatezza degna delle tavole dei grandi signori. I primi europei che vennero a conoscenza di questa pianta e del suo frutto furono i missionari inviati in Cina per convertire al cristianesimo quelle lontane popolazioni. Ma prima di approdare in Europa, la sua tappa comprese anche la Nuova Zelanda che ne ha fatto uno dei suoi principali prodotti di esportazione, tanto che il kiwi deve il suo nome all’uccello simbolo della nazione. Tuttavia, è l’Italia il maggior produttore mondiale, con coltivazioni concentrate soprattutto in Emilia-Romagna, Lazio, Puglia, Campania e Veneto

BENESSERE A GO-GO

Per quanto in Italia sia diffuso, forse si conosce ancora poco dei benefici del kiwi dal punto di vista della salute, eppure si tratta di un frutto che da questo punto di vista ha poco da invidiare ad altri, come la famosa "mela al giorno che toglie il medico di torno". La polpa verde chiara e succosa del kiwi è un vero e proprio concentrato di vitamine: è ricco di vitamine A, B1, B2, PP e della preziosissima vitamina C. Sapevate che un kiwi grande apporta il 100% del fabbisogno giornaliero di questa vitamina? Ne contiene infatti più degli agrumi! E i benefici sull'organismo della vitamina C sono numerosi: rinforza il sistema immunitario, preserva il sistema nervoso e contribuisce alla formazione di collagene ed elastina, due proteine che diminuiscono con l’avanzare dell’età riducendo la naturale elasticità della pelle. Quindi il consumo di kiwi, ricco anche di sostanze antiossidanti, può aiutare a prevenire l'invecchiamento cutaneo e in generale a contrastare i radicali liberi e la comparsa dei segni dell’età. Preziosissimi anche i sali minerali contenuti nel kiwi, che aiutano a regolare ritmo cardiaco e pressione arteriosa, e le fibre un toccasana per l'intestino. 

SUPER LEGGERO
Tanto benessere in un frutto leggerissimo: 100 grammi di kiwi (l'equivalente di un frutto) contengono infatti solo 44 calorie. Ecco perché il kiwi è perfetto nei regimi alimentari ipocalorici e tutte le volte che si cerca un alimento gustoso ma poco calorico.

COME LO SCEGLIAMO?

Per quanto riguarda l’utilizzo del frutto, è importante orientarsi anche nella scelta al momento dell’acquisto, dato che i benefici che possiamo trarre da questo frutto dipendono strettamente dalla sua buona qualità. Prima regola, fondamentale: esaminare la provenienza. Se abbiamo detto che l’Italia è il maggior esportatore al mondo, la scelta più sicura sarà quella tipicamente nostrana, anche da un punto vista economico. Non sono da escludere quelli provenienti dall'estero, ma anche lì assicurarsi che siano delle migliori qualità e cioè quelli cileni o neozelandesi, quest’ultimi considerati i migliori dal punto di vista organolettico. Seconda regola: non va consumato né acerbo, né troppo maturo: per acquistarlo al giusto grado di maturazione è sufficiente che risulti, al tatto, morbido e sodo al tempo stesso, il che significa che se si esercita una leggera pressione con la mano, devono restare le impronte delle dita, ma nulla di più. Il frutto deve poi presentarsi con la buccia integra”. Una volta acquistati, vanno mantenuti a temperatura ambiente. 

DOLCE DI NATURA

Sicuramente in cucina avrete sperimentato di tutto con questo frutto, dato che il suo è consumo è veramente ampio. Mangiato singolarmente, per merenda o dopo i pasti è sicuramente ottimo, ma lo è altrettanto abbinato ad altri frutti come nella composizione di macedonie o nella creazione di spiedini di frutta, apprezzati tantissimo anche dai bambini, che generalmente sono poco attratti dal kiwi, ma molto invogliati dall'iride di colori della frutta abbinata. Con le verdure invece? Curioso l'abbinamento con spinaci, zucchine e peperoni, per la preparazione di sfiziose insalate. Da non dimenticare il fatto che può essere impiegato per frullati o centrifugati energetici, prima di una bella corsa, ad esempio, o per le gelatine di torte e composte di vario tipo, o semplicemente accoppiarli con i croccanti muesli per colazione. Il kiwi rende più buone davvero in tante ricette ed è finito perfino su una fresca torta nuziale estiva alla frutta. Se invece siete alla ricerca di un metodo pratico per consumare il kiwi anche al lavoro, vi consigliamoo di tagliarlo a metà lasciando la pelle, che viene pertanto utilizzata come coppetta da cui attingere la polpa con un cucchiaino. Tuttavia, scopriamo che “del frutto può essere mangiata anche la buccia, a patto che venga ben lavata, con acqua e bicarbonato. Meglio ancora se il frutto è biologico”.

ESOTICO E CREATIVO

Gli amanti delle ricette inusuali e delle combinazioni dolce/salato in cucina, hanno nel kiwi un perfetto alleato! Da provare in abbinamento ai formaggi freschi e cremosi o come ingrediente di ricche insalate, dona un tocco di colore a originali spiedini di frutta con cubetti di pan di Spagna. L'idea per l'estate? Un fresco aperitivo di fragoline e kiwi al Pimm's per stupire i propri ospiti con un cocktail dall'intenso color verde!

 Claudia Minnella e Elena Strappa 

Pubblicato il 30/05/2018

Condividi

Torna indietroTorna indietro Torna alla Home pageTorna alla Home page

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it