Il più grande orto collettivo europeo è a Genova

Il più grande orto collettivo europeo è a Genova

In un terreno in comodato d’uso gratuito in un’ex zona industriale della periferia genovese nasce un progetto di coltivazione collettiva, ma anche un esperimento sociale ed economico senza eguali.

Pinterest
stampa
orto_urbano
Sale&Pepe

Siamo a Genova e nella collina che sale dietro ai capannoni dell’Ikea sta nascendo un gigantesco orto collettivo, non propriamente un orto urbano (trattandosi di una grande distesa ai margini della città) e non solo un esperimento di coltivazione, ma anche sociale, politico e molto altro.

Prima era una boscaglia in stato d’abbandono, oggi è un grande orto un po’ di tutti dove si coltivano finocchi, carote, bietole e spinaci. E il valore aggiunto è costituito dal fatto che nell’ex zona industriale di Campi, a Genova, si lavora in piedi perché l’orto collettivo è terrazzato, e questo consente la partecipazione anche agli anziani che non devono stare chinati. Proprietaria di questa zona rifiorita è una società della famiglia Lavazza, la Jonica Srl., che ha concesso l’area in comodato d’uso gratuito.

I giornali l’hanno battezzato (clicca qui) “il più grande orto collettivo d’Europa” e si tratta di sette ettari di terra indivisa, dove un’associazione di coltivatori e allevatori che comprende oltre 2200 iscritti, la Quattro Valli, organizza il lavoro, mentre centinaia di cittadini fanno gli ortolani e in cambio ricevono parte del raccolto e una moneta virtuale valida in un circuito locale. Le prestazioni vengono infatti ripagate in Šcec, moneta distribuita dall’associazione Arcipelago. Ogni ora di lavoro equivale a 7,5 Šcec (1 Šcec = 1 euro) e si tratta di un buono sconto circolare che vale all’interno della rete di commercianti, produttori, artigiani, professionisti del territorio che aderiscono al sistema, circa 130 attività a Genova. All’inizio ci sono state moltissime adesioni, poi qualcuno ha fatto retromarcia. Oggi il progetto parte con circa 300 volontari (600 braccia da lavoro) tra i quali la maggior parte sono donne tra i 25 e i 40, ma in realtà il popolo genovese è rappresentato in modo capillare: anziani che vogliono mettere il proprio sapere al servizio della comunità, giovanissimi, gente del mestiere, gente che ci crede o che semplicemente vuole mangiare ciò che produce.

E’ stato Andrea Pescino, segretario del Comitato 4valli, a ideare l’Orto Collettivo (clicca qui) e, dopo aver assoldato 120 soci volontari, ha avviato il progetto con molte ambizioni. Ramaglia e fogliame costituiscono il tappeto morbido del terrazzamento e la terra è unica e non divisa in appezzamenti, per cui si lavora tutti insieme appassionatamente e tutti coltivano tutto. Le istruzioni per lavorare il terreno sono particolareggiate e nel manifesto dell’associazione un intero capitolo è dedicato alla modalità esecutiva e agli attrezzi da utilizzare per le diverse lavorazioni. E presto l’Orto Collettivo diventerà un’impresa agricola. Ma giura che manterrà i propri valori.

Emanuela Di Pasqua,
28 aprile 2016

Credits: Pixabay

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it