Pancalieri, il paradiso della menta

Pancalieri, il paradiso della menta

Il piccolo paese tra Torino e Cuneo è famoso in tutto il mondo per la produzione della Menta Piperita Nera, la varietà più pregiata di questa erba aromatica. Merito della particolare composizione del terreno. Ma anche, secondo alcuni esperti, del fatto che si trovi sul 45° parallelo, esattamente a metà strada tra il Polo Nord e l’Equatore

Pinterest
stampa
Mint grows in a Santa Fe greenhouse.
Sale&Pepe

Pare che la fortuna di Pancalieri si quella di essere posto sul 45° parallelo, a metà strada tra Torino e Cuneo, ma soprattutto a metà strada tra l'equatore e il polo nord. Starebbe qui il motivo per cui questo piccolo centro torinese è diventato la capitale della menta. Non di una menta qualsiasi, ma della Mentha Piperita varietà Officinalis Sole conosciuta anche come Menta Italo-Mitcham o come Menta Piperita Nera: la menta di Pancalieri insomma.

La storia supera ormai di gran lunga il secolo perché è certo che già nel 1865, questo tipo di menta veniva coltivato a Cavour dal confettiere Primo Pietro, che ne distillava l'olio essenziale. E, sempre nello stesso anno, proprio a Pancalieri, la introduceva il farmacista Chiaffredo Gamba, che la distillava con un alambicco da 100 litri.

Con il trascorrere degli anni, la coltivazione si è estesa toccando anche altre località, ma senza allontanarsi da quel fatidico 45° parallelo. In questa zona, spiega Piero Ferrero della cooperativa Erbe aromatiche Pancalieri  «il terreno alluvionale arricchito da una superficie argillosa e silicea manteniene costantemente umido il sottosuolo, dando alla menta quella particolare finezza che non si ottiene altrove».

Il periodo d'oro per i coltivatori, però, è passato. Fino a qualche decennio fa, la menta di Pancalieri entrava nei prodotti più diversi, a cominciare dai dentifrici. Oggi le grandi aziende preferiscono usare mentolo sintetico o, quando va bene, mente di qualità inferiore. Tra i produttori importanti rimasti fedeli all'eccellenza di questo prodotto piemontese c'è la Ferrero, che lo impiega nei suoi Tic-Tac.

Ma chi la voglia gustare ha comunque l'imbarazzo della scelta tra una vastissima gamma di prodotti: dalle foglie essiccate per tisane e decotti all'olio essenziale, dalle caramelle ai cosmetici.
Dal 1999 la menta di Pancalieri è nell'Elenco Prodotti Agroalimentari Tradizionali della Regione Piemonte, dal 2003 è nel Paniere dei Prodotti tipici della Provincia di Torino ed è in attesa della Dop.

Intanto a Pancalieri, dove è possibile vistare il museo dedicato a questo prodotto (telefono 011.9734102, e-mail pancalieri@ruparpiemonte.it), non stanno con le mani in mano e hanno diversificato la produzione, coltivando anche assenzio, melissa e altre erbe utilizzate per la preparazioni di liquori, primo tra tutti il vermouth.

Alessandro Gnocchi
12 agosto 2014

Condividi

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it