A Disneyland Paris apre il bistrot di Ratatouille

A Disneyland Paris apre il bistrot di Ratatouille

Con un nuovo ristorante ispirato al film del topolino chef, il parco divertimenti francese realizza il sogno del piccolo Remy

Pinterest
stampa
Main Street and Sleeping Beauty Castle at Disneyland Paris
Sale&Pepe

Tappi dei barattoli della marmellata come tavoli, coppe di champagne al posto delle sedie, ombrellini da cocktail giganti… Il Bistrot chez Rémy aprirà i battenti il 10 luglio e catapulterà grandi e piccini in una riproduzione perfetta del ristorante Gousteau, dove l’arcinoto topolino di Disney vive la sua avventura gastronomica. Dietro ai fornelli, con uno staff di niente meno che 78 persone (18 in cucina e 60 in sala), ci sarà Ludovic Mallac, allievo di Paul Bocuse. Sarà lui, il più giovane capo chef di Disneyland Paris (32 anni al secolo), a coordinare il ristorante più grande del parco: 370 posti a sedere con servizio al tavolo e una carta che prevede 8 antipasti, 8 piatti principali e 8 dessert. I prezzi vanno dai 15,99 euro del menu bambini fino a un massimo di 38,99 euro. E visto che siamo in Francia, non mancano i vini d’eccellenza, prodotti apposta per il bistrot: uno Champagne, un Saint Emilion e un Coteaux du Languedoc.

“Gli standard di qualità”, assicura Mallac, “saranno garantiti da un team di professionisti e una rete di fornitori francesi: gli stessi che consegnano ai migliori ristoranti parigini e, in alcuni casi, hanno oltre 20 anni di esperienza. Tra questi Pomero, un piccolo agricoltore locale che ha lavorato per oltre 20 anni per la produzione di verdure fresche comprese le patate, e ora fornisce alcuni dei migliori ristoranti della capitale. Oltre alla territorialità il nostro impegno è anche sulla sostenibilità. Ci impegnano ogni giorno per ridurre gli sprechi e sostenere il riciclo degli scarti dei tavoli”.

Con questa idea geniale, che si aggiunge alle oltre 50 proposte del parco tra ristoranti, fast food e snack bar, i cugini d’oltralpe reagiscono a Expo 2015. Con un semplice topolino (e una certa ironia) distolgono gli sguardi dal made in Italy ricordando a tutto il mondo la supremazia gastronomica francese. Basti pensare che se per Expo sono attesi tra i 20 e i 24 milioni di visitatori, Disneyland Paris ha raccolto 275 milioni di ospiti dal 1992, di cui 15 nel 2013, attestandosi come la prima destinazione turistica d’Europa per numero di presenze. (www.ilsole24ore.com)

Cristiana Cassé
20 giugno 2014

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it