Web Serie - Reportage

Una taverna antica cipriota

George Demetriades e la sua taverna, la Seven St. George Tavern di Yeroskepos vicino a Paphos, sono un’istituzione a Cipro. George ha una storia interessante da raccontare, perché è filosofo e antropologo culinario e ha studiato le origini delle tradizioni gastronomiche cipriote.

Pinterest
stampa
luminosa SalePepe

George Demtriades non è solo un esperto di gastronomia: è un filosofo e antropologo culinario. Ha studiato le origini delle tradizioni gastronomiche cipriote e riscoperto nei suoi campi coltivazioni di specie vegetali tradizionali e originarie dell’isola.

Insieme al figlio Damianos gestisce la taverna Seven St. Georges a Yeroskepos, nei pressi di Paphos, un luogo incantato, dove si viene sempre accolti con familiarità.

Nella taverna gli arredi sono tutti naturali, in pietra e legno: alluminio e plastica sono banditi, letteralmente e metaforicamente. Esattamente come le patatine fritte. Questo luogo più che un ristorante è un tempio della buona cucina e della convivialità. Un’istituzione, dove George tiene seminari per piccoli gruppi di turisti ed è riconosciuto come punto di riferimento anche per esperti di alto livello. George ha rappresentato Cipro presso il World Travel Market di Londra e ha tenuto conferenze alla Anton Mosimann Academy di Londra.

La sua filosofia è anche stile di vita: tutti i prodotti che il figlio Damianos cucina e che vengono serviti nella sua taverna sono coltivati e allevati direttamente da loro, naturalmente più che a chilometro zero e senza utilizzo di pesticidi e sostanze chimiche. Il cibo è alla base della nostra salute, sostiene George che è convinto che grazie a un’alimentazione sana ci si possa migliorare la qualità della vita. Ma l’aspetto che gli sta più a cuore è quasi impalpabile. Il cibo per lui è ambasciatore di cultura: stimola le papille e contemporaneamente nutre l’anima, portando in ciascun boccone la storia dell’evoluzione di una terra.

Per George l'anima di Cipro è ben riassunta nel mezè.

"Mezè" nell’antica lignua persiana significa "gusto": è un insieme di piccole portate a base di carne, verdure e salse. Si dispongono al centro della tavola e gli ospiti si possono servire liberamente, chiacchierando, brindando con un buon vino e, perché no, finendo pure a ballare sui tavoli.

Ospitale, caloroso, autentico e genuino sono gli aggettivi che meglio descrivono George. E in effetti i suoi valori sono diventati ingredienti essenziali nella sua taverna che accoglie gli ospiti, facendoli sentire immediatamente come a casa di amici cari. Di quelli con i quali si può chiacchierare di tutto, ci si sente felici e si ha l’impressione che con un semplice gesto si sta contribuendo a fare del mondo un luogo bello e vitale.

Barbara Roncarolo
luglio 2014

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it