DonnaModerna

Web Serie - Reportage

Le favolose caramelle della famiglia Somods

Come nei ristoranti più rinomati è di moda la cucina a vista, nel laboratorio delle caramelle della famiglia Sømøds gli artigiani “cucinano” a vista, mostrando a chi vuole curiosare ogni passaggio della lavorazione dei bon bon

Pinterest
stampa
luminosa SalePepe

caramella_vetrinaEntrare nella bottega di Mike e Camilla, che ha aperto nel 1891 e appartiene alla famiglia Sømøds dall’inizio del ‘900, significa fare un balzo in una dimensione antica e favolosa, che coinvolge tutti i sensi.

Il profumo di zucchero caramellato accompagna il visitatore dal piccolo cortile affacciato su Nørregade fino al laboratorio di questo Willy Wonka danese. Poi è la volta di tutti gli altri sensi: nel negozio i bon bon sono conservati in barattoli di latta e di vetro che ne lasciano intravedere le forme e i colori incantevoli.

La bilancia che misura il peso dei pacchettini profumati si basa ancora sul contrappeso classico che usavano droghieri e farmacisti. Il rumore è presente, ma non è mai fastidioso, anzi, è l’affascinante colonna sonora, che scandisce il ritmo dei lavoro artigianale, dove ogni giorno una piccola squadra di esperti produce le caramelle utilizzando i macchinari e i sistemi di un tempo. E infine il gusto, che risulta una sorpresa.

 
caramelle_lavorazioneLe caramelle sono classiche, così classiche che i nostri palati non ci sono più abituati: sono dure e saporitissime.

Non si sente solo lo zucchero, perché queste caramelle hanno l’aroma autentico degli ingredienti, gli estratti e le erbe che vengono utilizzati nell’impasto.

Come nei ristoranti più rinomati è di moda la cucina a vista, anche qui gli artigiani “cucinano” a vista, mostrando a chi vuole curiosare ogni passaggio della lavorazione delle caramelle.

Lo zucchero bolle in un’enorme casseruola di rame a 180°; una volta ridotto completamente in liquido incandescente, viene versato sul tavolo metallico dove si procede con una sorta di temperamento, per farlo raffreddare con l’aiuto di una spatola.

È poi il momento di aggiungere gli aromi e i coloranti, tutti rigorosamente naturali.

 
laboratorioL’impasto così formato e leggermente raffreddato viene stirato, grazie all’uso di speciali uncini posti in una colonna al centro del laboratorio.
 Questo procedimento serve per rendere poroso il composto di zucchero. Successivamente impasti di diversi colori vengono composti insieme, formando un’enorme caramella morbida, tiepida e colorata.

Da qui vengono prelevate stecche di prodotto e passate in una macchina simile a quella che si usa per fare la pasta in casa. Et  voilà, siamo all’ultimo passaggio: dalla macchina esce una cascata colorata di caramelle.
 
I bambini presenti allo spettacolo sono fortunati, perché Mike Sømøds ama staccare pezzetti di composto ancora morbido, fissarli su uno stecchino e donare a chi lo vede all'opera un lecca lecca appena modellato.
 
Mappa: dove si trova Sømøds Bolcher
Il sito della candy factory Sømøds Bolcher
 
Barbara Roncarolo
agosto 2014

Storie affascinanti in giro per Copenhagen

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it