Vota

aragosta in bellavista

Crostaceo molto pregiato che vive sui fondali rocciosi dell’Atlantico e del Mediterraneo. La «struttura» dell’aragosta si divide in 3 parti: la testa o cefalotorace, con 5 coppie di zampe, 2 lunghe antenne e 2 antenne più corte proprio nella parte centrale della testa; l’addome, che contiene la parte commestibile, viene comunemente chiamato coda. La corazza dell’aragosta è molto dura e, a seconda delle varietà, può essere rosa, bruno-rossastra e macchiettata di giallo. Comunque sia il colore, l’aragosta in cottura diventa sempre di un bel rosso acceso. Una aragosta fresca deve essere piuttosto pesante,ma non dovrebbe superare il chilo e mezzo. Poiché il crostaceo ha parecchio scarto (quasi il 70 per cento), bisogna calcolare un peso di circa 400 g a testa.