Vota

Monte Etna Zona di produzione

L’extravergine Monte Etna è ottenuto con olive coltivate alle falde dell’Etna all’altitudine di 700 m: in provincia di Enna è interessato il solo comune di Centurie, nelle province di Messina e Catania, invece, numerosi comuni. L’extravergine Monti Iblei, invece, viene prodotto in uliveti delle province di Siracusa, Ragusa e Catania. Tra i comuni coinvolti nella produzione vi sono Buccheri, Solarino, Noto, Ispica, Modica e Pachino.

Monte Etna cultivar 

L’olio Monte Etna viene prodotto con la varietà di olive Nocellara dell’Etna presente negli uliveti in misura non inferiore al 65%. La percentuale rimanente può essere

fornita dalle varietà Moresca, Ogliarola Messinese, Biancolilla, Brandofino e Olivo di Castiglione. La raccolta delle olive non deve protrarsi, per chiara indicazione del disciplinare, oltre la seconda decade di gennaio.

Caratteristiche organolettiche

Colore: giallo oro, con riflessi verdi. Odore: lievemente fruttato. Sapore: leggermente amaro e pungente.

Monti Iblei cultivar 

La produzione dell’extravergine Monti Iblei ricorre, oltre alla Nocellara e alla Moresca, alla varietà Tonda Iblea.

Caratteristiche organolettiche

Colore: giallo oro, con riflessi verdi. Odore: caratteristico odore di erba e pomodoro verde. Sapore: leggermente amaro e pungente.

Lavorazione

Per entrambi gli oli, le olive vengono raccolte esclusivamente a mano con la tecnica della pettinatura delle chiome. Si ottiene la pasta con spremitura a freddo, da cui poi, per compressione, si otterrà l’olio. Il periodo di deposito prima della molitura non deve superare le 48 ore. Sono ammessi per l’estrazione dell’olio esclusivamente procedimenti meccanici. L’olio non viene in ogni caso filtrato prima dell’imbottigliamento; eventuali residui volatili nella bottiglia sono ritenuti indice di genuinità.

Conservazione

Lontano da fonti di calore e in luogo fresco e privo di luce per un anno dalla produzione.

Degustazione

Ottimi con verdure fresche o bollite e con minestre di legumi.