Vota

mostardaMostarda è un termine che deriva dal francese «moutarde» (senape) e che indica sia una salsa densa a base di senape e aceto, sia un prodotto a base di frutta candita in uno sciroppo fortemente aromatizzato con senape. Un tempo confezionata in casa, la mostarda di frutta è oggi prodotta industrialmente: la più famosa è quella di Cremona.

La mostarda di Cremona

In Italia si trovano vari tipi di mostarda ma la più diffusa è la mostarda“di Cremona”, preparata con frutta mista. La canditura (immersione in acqua e zucchero a 40° di temperatura) rende la frutta lucida, soda e a tinte brillanti, evitando l’uso di coloranti e conservanti.

Segue l’aggiunta di senape in gocce. Oggi la maggior parte della produzione è industriale ma con l’attribuzione della De. Co. alla Mostarda di Cremona si è voluto favorire la ripresa delle lavorazioni artigianali. Gli abbinamenti classici con questa specialità sono le carni, bollite o arrosto, i formaggi, il cotechino e i salumi. Più insolito quello con il pesce.