Zucca: ad Halloween non dimentichiamo che è un alimento

Zucca: ad Halloween non dimentichiamo che è un alimento

Ci sono tanti motivi per gridare di spavento ad Halloween tra mostri, streghe e fantasmi che giungono dall’oltretomba. E quest’anno ce n’è uno di più: riguarda lo spreco della zucca intesa come alimento

Pinterest
stampa
USA, New York, Peconic, pumpkin farm with pickup truck
Sale&Pepe

Zucca: ad Halloween non dimentichiamo che è un alimento. Manca pochissimo alla notte del 31 ottobre, ricorrenza sempre più festeggiata anche in Italia, dove non tutti sanno da che parte stare, se nel gruppo di coloro che la detestano, perché non fa strettamente parte delle tradizioni nostrane, o se aderire al partito di quelli che la prendono con più leggerezza e la adorano, perché l’importante è avere un’occasione in più per trovarsi con gli amici e festeggiare.

In ogni caso la zucca è l'ortaggio protagonista: si trova al centro dell’attenzione nelle ricette e nelle decorazioni, tanto che negli Usa, dove la ricorrenza è considerata alla stregua di una festa nazionale, è scattato l’allarme. In California in particolare raccontano che le piogge scarse delle passate stagioni hanno influito sui raccolti e le zucche, rispetto al solito, saranno meno abbondanti per quantità e dimensioni.

Eppure non è questa la notizia più preoccupante: quest’anno la fazione delle persone che non vedono di buon occhio la festa delle lanterne arancioni si accresce e accoglie anche coloro che sono contrari allo spreco di cibo. Le polemiche hanno basi fondate, perché dal Regno Unito sono emersi dati preoccupanti. Qui 2 persone su 5 acquistano una zucca in questo periodo dell’anno. E non è per metterla nel piatto.

Se negli Usa i consumatori sono abituati ad acquistare l’ortaggio, scavarlo, utilizzare la polpa per preparare tante golose ricette dolci e salate e poi intagliare l’involucro per preparare la classica lanterna, lo stesso non accade in altri paesi, Inghilterra per prima. Si stima che ogni anno lì ci sia uno spreco di polpa di zucca pari a 18 mila tonnellate. Una quantità enorme di cibo che finisce direttamente nella spazzatura e che invece potrebbe essere utilizzato per zuppe, sughi e crostate.

A lanciare l’allarme è Trewin Restorick, fondatore di Hubbub che si occupa di iniziative legate all'ambiente, che ha commissionato una ricerca ad hoc, per meglio comprendere il fenomeno e lanciare un appello. Il concetto è “salviamo le zucche” e per chi vuole seguire le iniziative sui social l'hashtag è #pumpkinrescue .

È vero che per effetto della crisi pare che quest’anno i consumatori saranno più attenti e non acquisteranno solo la zucca per realizzare decorazioni, ma non basta. Lo spreco del cibo è un tema sempre più sentito e quest’anno nel Regno Unito Hubbub chiede che nei supermercati, dove sono collocate le casse delle zucche, ci siano cartelli che consiglino vivamente di non sprecarne la polpa e di usarla in primo luogo per cucinare tante ricette golose.

Lo spunto è valido e anche Sale&Pepe dà il suo contributo, invitando tutti sì a decorare la casa con le classiche lanterne; ma propone soprattutto di mettersi ai fornelli e di preparare tanti piatti ghiotti (ovvio, se le zucche acquistate sono edibili). Sul nostro sito se ne trovano in gran quantità.

Barbara Roncarolo
28 ottobre 2014

Condividi

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it