Arrivano gli abiti vitaminici fatti con gli agrumi di Sicilia

Arrivano gli abiti vitaminici fatti con gli agrumi di Sicilia

Due giovani imprenditrici di Catania lanciano una linea d’abbigliamento realizzata con gli scarti di arance e limoni. Ecosostenibile e supertecnologica

Pinterest
stampa
Tessuto all'arancia
Sale&Pepe

Vestiti confezionati con gli scarti di arance e limoni, che rilasciano vitamine su chi li indossa. Quindi sostenibili, tecnologici e tonificanti. La sfida non poteva che partire da due giovani siciliane Doc, Adriana Santonocito ed Enrica Arena, che hanno lanciato la start up Orange Fiber per realizzare il loro progetto imprenditoriale. L'idea è quella di sfruttare una delle principali risorse siciliane, gli agrumi, per estrarre la cellulosa dagli scarti di produzione e utilizzarla per creare i tessuti. Ma non finisce qui: grazie all'uso di nanotecnologie, gli oli essenziali delle arance e dei limoni vengono fissati sulle fibre in modo che l'abito rilasci sulla pelle di chi lo indossa la vitamina C e sia quindi una fonte di benessere. 

Come capita spesso ai giovani talenti italiani, le idee partono in luogo per poi svilupparsi e concretizzarsi altrove: entrambe originarie di Catania, Adriana ed Enrica hanno studiato a Milano, la prima Fashion Design e la seconda Cooperazione Internazionale. Qui hanno messo a punto il loro progetto, testato varie ipotesi nei laboratori del Politecnico, avviato la sperimentazione. E quest'anno a Rovereto, a pochi chilometri da Trento, hanno trovato il partner finanziario che ha permesso di trasformare il loro progetto in una vera impresa.

L'idea di partenza, che mette insieme l'amore per la propria terra e lo sviluppo sostenibile, è venuta ad Adriana Santonocito: "Perché non usare gli scarti di arance e limoni per produrre tessuti"?  Da un lato Adriana aveva in mente la sua isola, la Sicilia, patria degli agrumi e fulcro di un'industria agroalimentare che in tutta Italia genera oltre 700 mila tonnellate di scarti. Dall'altro ha valutato che il consumo di tessuti nel mondo ha superato i 75 milioni di tonnellate, un dato in costante incremento e da qualche tempo sempre più orientato verso le fibre naturali. Così, insieme a Enrica, ha messo a punto Orange Fiber. A noi non resta che attendere il prossimo anno, quando potremo finalmente indossare il primo abito all'arancia. 

Enza Dalessandri
1° agosto 2014

Condividi

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it