Vota

Rossi2La costruzione della storica cantina, una delle più antiche di Montefalco, risale alla fine dell’Ottocento a opera del principe Boncompagni, secondo metodi talmente innovativi per l’epoca che la famiglia Pambuffetti, proprietaria dal 1952, ha avviato solo recentemente un’opera di ristrutturazione, conservando l’impianto originario. Il Sagrantino di Montefalco Scacciadiavoli ha colore rosso rubino compatto e limpido, con sfumature granato sull’unghia. Al naso libera intesi e caratteristici sentori di mora e piccoli frutti di rovo maturi, profumi evoluti di terra bagnata, note fungine, tabacco e speziatura dolce del legno. Sul palato il calore iniziale viene progressivamente assorbito dalla struttura possente, delineando un assaggio equilibrato e piacevole, con buone sensazioni tanniche e sapide, che accompagnano a una chiusura equilibrata e persistente. Leggenda vuole che il vino di queste terre venisse usato in pratiche di esorcismo per scacciar diavoli e malauguri: da qui il nome dell’azienda.