Vota

Rossi2Il Masseto, prodotto a partire dall’annata 1987, è stato definito la risposta italiana  al Pomerol, dal quale Lodovico Antinori fece ricavare i cloni, sotto la supervisione dell’enologo bordolese Michel Rolland, poi innestati nelle vigne della Tenuta dell’Ornellaia. Una cosa è certa però: il legame con il territorio della zona di Bolgheri, terroir unico e irripetibile, fa del Masseto un merlot dalla personalità inconfondibile. Alla vista presenta una luminosa tonalità rosso rubino, con sfumature granato. Lascia liberare dal calice un’elegante maturità fruttata e note di spezie fini, delineando profumi di piccole bacche di rovo, more, crema di cassis, erbe aromatiche, sentori di liquirizia, venature lignee dolci e balsamiche, menta selvatica e cacao, su un raffinato sottofondo minerale. I sapori che regala sono profondi e avvolgenti, magistralmente equilibrati da una tessitura cremosa e un tannino a grana finissima, che lasciano persistere, dopo la deglutizione, lunghe memorie olfattive.