Vota

Rossi13Seguendo la tradizione toscana dei supertuscan, da tempo anche le regioni del Sud propongono interessanti matrimoni tra uve autoctone e internazionali. Da un uvaggio di negroamaro e cabernet sauvignon nasce il Nero, vino di grande personalità firmato dalla tradizione plurisecolare della famiglia Zecca. Nel bicchiere appare di uno splendido rubino molto intenso, così come i suoi profumi che evocano visciole e prugne secche. La speziatura dolce è protagonista, interrotta soltanto da ritorni a più riprese di pungenti sentori di erbe mediterranee, fra i quali spicca netto il rosmarino; senza eccessi, il cabernet sauvignon completa lo spettro aromatico con le tipiche note erbacee. Al palato sorprende per il grande volume di sapori che si scompongono lentamente in piacevoli sensazioni morbide, vellutate, quasi polpose, equilibrate da una buona spalla acido-sapida. I tannini sono possenti e setosi al contempo. Il finale in bocca è lungo, pulito e vagamente amaricante.