Vota

Rossi4“Morellone” era il termine usato da Ascanio Condivi, nativo di Ripatransone e allievo e biografo di Michelangelo, per indicare le cupe tonalità di rosso usate come base per gli affreschi. Tonalità che il Rosso Piceno dell’azienda Le Caniette sa esprimere magnificamente nel calice, di bella fittezza e notevole consistenza. Al naso racconta generosamente il legame con il territorio regalando un bouquet caratteristico, intenso e fine: giungono suggestioni di viola appassita e frutta rossa in confettura e sotto spirito, marasca e ribes, legno di liquirizia e spezie dolci. Al palato è denso, ricco di sensazioni fruttate e speziate, con una marcata componente alcolica ben amalgamata alla struttura, e un tannino di perfetta estrazione. Chiude con un finale lungo ed elegante, dal carattere dolceamaro che ricorda il cacao, la radice di liquirizia e la ciliegia matura. Il nome dell’azienda significa “giovane canneto”, denominazione di una località del territorio di Ripatransone.