Vota

Dolci5Il Moscato è da tempo alla ricerca di una dignità perduta. Eppure, di fronte a questa opera d’arte firmata Saracco, è difficile comprendere le ragioni di questa crisi d’identità. Il Moscato d’Autunno è bello già nella coppa che lo accoglie; il colore è giallo paglierino, limpido e brillante, cremosa l’effervescenza. Al naso regala garbati profumi floreali di ginestra, frutta gialla, pesca e susina, e aromatiche note di salvia. Gli aromi sono puliti, soavi, raffinati. In bocca si rivela armonico, di misurata dolcezza, molto equilibrato, dal gusto morbido e fresco al contempo. La beva di grande piacevolezza è un invito a nuovi assaggi.