Vota

Bianchi5Il Chiarandà del Merlo nasce da un assemblaggio di uve chardonnay, raccolte in agosto con vendemmia notturna, e di uve ansonica (localmente chiamato inzolia) raccolte in settembre. Alla vista si presenta di colore giallo paglierino intenso e luminoso, con sfumature dorate e notevole consistenza, presagio di un vino elegante e ricco di profumi, che trova pronta conferma accostando il bicchiere al naso. Il bouquet è invitante, intenso e complesso, con aromi di frutta gialla matura, mela, pesca, ricordi esotici e minerali, sentori di speziatura dolce di vaniglia e burro di arachidi. All’assaggio esprime grande struttura. Il frutto, nuovamente protagonista, avvolge il palato con sensazioni vellutate, calde, seducenti, ben equilibrate da venature fresche e minerali, che lasciano la bocca tersa e appagata.