Vota

Bianchi9Vino di grande personalità, da anni è un protagonista della scena enologica italiana, grazie a standard qualitativi elevati e al coraggio di aver col tempo cambiato il suo stile: dall’esplosione di grassezza e dolcezza che caratterizzavano le ultime annate del secolo scorso, ha via via dosato meglio l’apporto del legno e, nel rispetto del vitigno che lo genera, si è raffinato. Il colore è un luminoso giallo oro percorso da  bagliori verdognoli. Nel bicchiere rotea sontuoso a conferma dell’elevata alcolicità. Il bouquet è estremamente composito, con trama olfattiva che si apre su note floreali di zagara e profumi di frutta matura a polpa gialla ed esotica, pesca e ananas. La successione aromatica, con note minerali, salmastre e agrumate, richiama la terra siciliana. Seguono i sentori dolci del legno, vaniglia e nocciola tostata.
In bocca è deciso, di grande struttura, ricco di vena acida e sapida, perfettamente equilibrato. Qui la zagara diventa miele e il finale interminabile lascia sul palato una piacevole sensazione minerale.