Come cucinare il coniglio

coniglio-in-agrodolce foto
Sale&Pepe

Come cucinare il coniglio

Il coniglio ha carne bianca, magra, nutriente e digeribile; anche se spesso è poco considerata, è ricca di proprietà nutrizionali che la rendono perfetta per una sana alimentazione. È poco calorica, ben provvista di proteine ad alto valore biologico, ha un bassissimo contenuto di colesterolo e garantisce tanto sapore. 

Sul mercato si trovano generalmente conigli macellati tra i 2 e i 5 mesi di vita, dalle carni molto tenere, di colore rosa più o meno carico. La polpa delicata del coniglio è ideale per arrosti, semplici o farciti, e per gustosi bocconcini. La carne di coniglio è buona anche lessata (benché sia una preparazione poco comune) oppure per preparare il ragù e in genere richiede lunghe cotture (almeno 1 ora). Scopri i tanti modi di cucinare il coniglio con le ricette proposte da Sale&Pepe, per secondi appetitosi ma anche per sorprendenti primi o torte salate ad effetto.

Tecnica base

Come preparare la carne di coniglio alla cottura

Nelle macellerie e nei supermercati si trova facilmente il coniglio intero già tagliato a pezzi, altrimenti procedi così: mettilo sul tagliere con la parte della pancia rivolta verso l'alto, incidilo, nel senso della lunghezza, in modo da dividerlo in 2 parti. Separa le 2 zampe posteriori, dividendole poi in cosce e sovracosce, e le 2 zampe anteriori. Riduci anche la parte centrale delle due metà in 2-3 pezzi, nel senso della larghezza. I pezzi avvolti in alluminio si conservano 3-4 giorni in frigo o 3 mesi in freezer.

Se non apprezzi il sapore selvatico del coniglio, puoi metterlo a bagno in acqua e aceto o succo di limone per mezz'ora; quindi lavalo e asciugalo. In alternativa, fai marinare i pezzi di carne per una notte con 2 bicchieri di vino bianco e 1 scalogno a pezzi. Quindi sgocciola la carne dalla marinata.

Come cuocere il coniglio

Il coniglio intero si presta per tutte le ricette tradizionali che prevedano cottura arrosto o in umido. La metà anteriore è la parte meno carnosa e comprende dorso e spalle; è adatta soprattutto alle cotture in umido. La metà posteriore, che è composta dalla parte terminale del dorso e dalle cosce, è indicata per gli arrosti. La sella o lombata è il pezzo centrale del coniglio, molto carnoso e pregiato; è perfetto per la cottura arrosto ma anche da tagliare a fette e cuocere in padella oppure da farcire.

Condividi


  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it