I garganelli zucca e salsiccia

  • 55 minuti PT55M
  • FACILE
  • kcal 685
  • recensioni
garganelli-zucca-e-salsiccia
Sale&Pepe

Semplice, saporito e tradizionale, questo primo piatto a metà strada tra il dolce e il salato mette d’accordo grandi e piccini ogni qualvolta viene servito a tavola.

Ingredienti per 4 persone

CREA LISTA DELLA SPESA

Preparazione dei garganelli zucca e salsiccia

1) Per preparare la semplice ricetta dei garganelli zucca e salsiccia ai semi di finocchio, devi anzitutto tagliare l’aglio a metà, spellare e sgranare la salsiccia e affettare la zucca a dadini. Dopodiché metti a rosolare l’aglio con il burro in un tegame piuttosto largo, poi unisci la salsiccia e la zucca e lascia insaporire a fuoco vivo per almeno 3 minuti. Aggiungi il sale e il pepe, poi unisci la polpa di pomodoro e il brodo vegetale e fai cuocere per circa 15 minuti. Infine elimina l’aglio e profuma con un cucchiaino di prezzemolo tritato.

2) Ora fai un mucchietto con il grana grattugiato e, aiutandoti con un cucchiaio, stendilo in forma circolare su una teglia foderata con carta da forno, poi fallo cuocere a 220° per 4-5 minuti. Non appena la cialdina di grana avrà un aspetto abbastanza dorato, dovrai estrarla dal forno e spezzettarla.

3) Metti a cuocere la pasta in abbondante acqua salata, scolala al dente e versala direttamente nel tegame con il ragù di salsiccia. Fai saltare per qualche istante, poi distribuisci la pasta nei piatti e decora con la cialdina di grana spezzettata.

Garganelli zucca e salsiccia: curiosità sul nome e l’origine del ragù

L’ingrediente fondamentale della nostra ricetta dei garganelli zucca e salsiccia è indubbiamente il ragù di salsiccia. La parola “ragù” deriva dal termine francese “ragoût”, sostantivo derivato a sua volta dal verbo “ragoûter”, che può essere tradotto letteralmente con “risvegliare l’appetito” o “conferire più gusto a qualcosa”. In epoca fascista si cercò addirittura di italianizzare il termine ragù utilizzando il vocabolo “ragutto”. Per quanto riguarda l’origine di questo famoso condimento, pare che la ricetta sia stata inventata dagli antichi Romani e poi rielaborata nella versione più simile alla nostra dai Galli nel periodo dell’invasione romana.


Menù di appartenenza


Condividi



Abbina il tuo piatto a


  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it