Tre ricette e tre locali milanesi per la campagna Ristoranti contro la Fame

Tre ricette e tre locali milanesi per la campagna Ristoranti contro la Fame

Piccione su letto di verdure, pasta e fagioli, caponatina alla siracusana: si chiude Ristoranti contro la Fame nell’edizione del 2017 con tre ricette gustose da ripetere a casa.

Pinterest
stampa
Caponatina alla siracusana_il tinello dei buongustai milano
Sale&Pepe

Il progetto Ristoranti contro la Fame volge al termine: da ottobre a fine dicembre sono stati moltissimi i locali italiani che hanno aderito alla campagna per combattere la malnutrizione infantile e aiutare chi più ha bisogno garantendo cibo sicuro. Tra questi, anche i ristoranti milanesi che ospitiamo oggi hanno contribuito fortemente al progetto di Azione contro la Fame, e presentano qui le loro ricette e i loro “piatti del cuore”, quelli dedicati in particolare a Ristoranti contro la Fame. Sono l’Enoteca da Gatto, il ristorante Ratanà e il ristorante Il Tinello dei Buongustai di Milano. Ecco le loro ricette.

153021Ricetta del piccione su letto di verdure, frutti di bosco, enoteca da Gatto, Milano (clicca qui)

Ingredienti per 4 persone

4 cosciotti di piccione
150 grammi di cavolo nero
75 grammi di pecorino stagionato
25 grammi di ricotta
Sale, pepe QB
50 grammi di fagiolini verdi
50 grammi di frutti di bosco
15 grammi di olio EVO
Timo, rosmarino QB
30 grammi di vino sangiovese
10 grammi di farina 00

Procedimento

1) Pulire e dissossare i cosciotti, avendo cura di non bucarli. Lasciare riposare la carne in frigorifero.

2) Pulire il cavolo nero, scottare le foglie con poco olio. Una volta cotto, raffreddare e tritare, aggiungere la ricotta. Aggiustare di gusto. Scaldare l'olio in una padella, unire la carne leggermente infarinata e gli aromi. Rosolare la carne da entrambi i lati e cuore a fuoco lento, a metà cottura sfumare con il vino e ultimare con sale, pepe.

3) Pulire le verdure e i frutti di bosco. Sbianchire i fagiolini in acqua salata e rifinire la cottura aggiustando di sale e pepe.

4) Sistemare su piatto, guarnire con i frutti di bosco e la salsa di cottura.

Piatto abbinato al Sangiovese Mormoraia.

153019Ricetta della caponatina alla siracusana del ristorante Il Tinello dei Buongustai, Milano (clicca qui)

Ingredienti

1 melanzana per commensale
Olio extravergine d’oliva per friggere
1 gambo di sedano
1 cucchiaio di salsa di pomodoro
Una puntina di zucchero
1 cucchiaino d’aceto
3 o 4 capperi
Olive verdi denocciolate
Sale e pepe

Procedimento

1) Tagliare a dadini le melanzane e friggere in olio ben caldo fino a quando saranno ben dorate.

2) Nello stesso olio friggere il gambo di sedano tagliato in tronchetti spessi circa due dita.

3) Fare ben scolare melanzane e sedano su carta assorbente.

4) Quindi riunire in una padella tutti gli ingredienti, lasciare insaporire sul fuoco pochi minuti e regolare di sale e pepe. Si mangia a temperatura ambiente.

153025Ricetta della pasta e fagioli del ristorante Ratanà di Milano (clicca qui)                  

Ingredienti per 4 persone

200 grammi di fagioli borlotti
200 grammi di pasta fresca all’uovo
2 spicchi d’aglio
4 pomodori pelati
1 rametto di rosmarino
1 carota piccola
1 pezzo di cotenna di speck affumicato
1 costa di sedano
Mezza cipolla bianca di media grandezza
50 grammi di olio d’oliva
Sale e pepe nero


Procedimento

1) Mettere i fagioli in acqua fredda per 24 ore, preparare intanto un soffritto con la metà dell’olio, aglio, carote, sedano e cipolla. Aggiungere i pomodori sminuzzati, sale e pepe, far appassire dolcemente per 10 minuti, aggiungere i fagioli ammollati, coprire con circa 2 litri di acqua e iniziare la cottura per circa 1 ora e mezza.

2) Accertata la cottura dei fagioli, toglierne un terzo con un mestolo forato e frullarli in modo da ottenere una crema omogenea.

3) Rimettere poi la crema ottenuta nella stessa pentola con i fagioli, portare a bollore e unire la pasta fresca tagliata a pezzettini piccoli.

4) Regolare ancora di sale e pepe e quando sarà cotta, servire calda, cospargendo il rimanente olio crudo sulla pasta e fagioli, dopo averla distribuita nei piatti di portata.

Buon appetito!

Eva Perasso
dicembre 2017

Condividi

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it