DonnaModerna
Pulizie di primavera: consigli utili per una cucina scintillante

Pulizie di primavera: consigli utili per una cucina scintillante

Non è solo un modo di dire. Quando il clima si riscalda, è il momento adatto per dare una bella strigliata alla nostra cucina per eliminare la patina invernale e prepararsi ai colori e ai sapori della bella stagione. Ecco suggerimenti e trucchi per fare un ottimo lavoro, senza stress!

Pinterest
stampa
SPRING CLEANING
Sale&Pepe

Pulizie di primavera! Per un lavoro veramente approfondito, scegliete una bella giornata per trasformarvi in una versione 2.0 di Mastro Lindo (magari in gonnella): l’aria pulita e la luce vi renderanno il compito più piacevole e facile di una uggiosa giornata di pioggia. Ecco qualche suggerimento per un lavoro fatto bene, la soddisfazione sarà tanta.


1_Non dimenticate che c’è un ordine nelle cose

Ripetete con me: le fasi cardine sono valutare, eliminare, pulire e infine organizzare, dove pulire si traduce in rimozione dei residui, detersione, sanificazione e risciacquo.

Il primo passo, però, prevede che vi guardiate bene intorno in cucina, prendendo nota dei prodotti alimentari, di pentole e padelle, utensili, bicchieri e quant’altro. Poi, decidete cosa finirà nella spazzatura, cosa donare o regalare, cosa eliminare perché non l’usate o perché scaduto. Solo dopo aver fatto spazio potete procedere con la pulizia vera e propria, per poi organizzare quello che è rimasto.

 

2_Non siate timidi

Siate spietati.

Date una lunga occhiata a quanto riempie la vostra cucina e/o dispensa, e procedete con il sacco della spazzatura: avete ancora il barattolo di marmellata della zia di Natale, mai aperto? Via. Le spezie ormai polverose portate a casa dal viaggio nei Caraibi di due anni fa e mai usate? Devono sparire. La pasta comprata al minimarket lungo l’autostrada (non vi ricordate neanche quando)? Se non è scaduta, regalatela. Gettate tutto quanto è scaduto da più di sei mesi e mettete da parte gli alimenti da donare: quelli ancora sigillati che non sarete in grado di consumare prima della scadenza, i doppioni oppure cibi ottimi che però nessuno in famiglia mangerà per motivi vari. Donarli sarà un piacere.
Anche quanto tenete in dispensa perché “non si sa mai” deve andare, per fare spazio a ciò che consumate veramente.
Se disponete di più contenitori aperti dello stesso ingrediente (cannella, paprika, pepe colorato, etc.), riunite tutto in un unico contenitore ed eliminate gli altri.
Per quanto riguarda pentole e padelle, vale la stessa regola. Avete due padelle da 40 cm di diametro? Quante volte vi ritroverete a cucinare per uno squadrone di orchi famelici? Se però avete un paio di figli maschi adolescenti che praticano sport, potete ignorare questo punto.
Controllate eventuali pentole o padelle antiaderenti perché non siano troppo usurate: nel caso, vanno sostituite perché le scaglie di rivestimento che vengono via sono cancerogene.
Se non riuscite a separarvi da qualche utensile che avete doppio o che non usate, mettetelo via (in cantina?) e liberate spazio.

 

3_Pulite da cima a fondo

Anche questo non è solo un modo di dire. L’ordine delle pulizie va dall’alto verso il basso, perché la polvere e le briciole spazzate da mensole, davanzali, e la parte superiore del frigorifero dovranno soccombere alla forza di gravità; quindi, fatevi un favore e pulite i pavimenti per ultimi.
Svuotate e pulite ripiani, cassetti, pareti e sportelli, dentro e fuori. Lasciateli asciugare all’aria, aperti.
Dopo aver controllato tutto ed eventualmente eliminato quanto scaduto o ridondante, pulite quanto rimasto con un panno di spugna inumidito prima di rimetterlo a posto.
Lasciate qualche rametto di alloro sul fondo di pensili e armadietti: tiene lontano gli insetti.
Nel frattempo, fate fare un giro in lavapiatti alle stoviglie che non usate spesso, anche se sono riposte lontano dalla polvere.
Lavate e disinfettate i contenitori dei rifiuti.

 

4_Controllate la tossicità dei prodotti che usate

Le sostanze chimiche tossiche non appartengono alla cucina. Cercate di evitare il più possibile l’uso della chimica dove preparate il cibo: l’aceto di vino basic (ricordate che vi servirà per pulire e non per condire l’insalata) usato puro o diluito sulle superfici, eliminerà il calcare da rubinetti e lavelli. Mescolato ad acqua (3/4 acqua e 1/4 aceto) e versato in un flacone con tappo a spruzzo, farà luccicare finestre, specchi e cristalli.
Pulite le pentole riempiendole fino all’orlo di acqua, unite un paio di cucchiai di aceto, fate bollire il tutto, svuotate, asciugate e… specchiatevi!
Usatelo anche per sanificare il pavimento, è economico ma naturale e molto efficiente.
In alternativa, il bicarbonato di sodio - un abrasivo naturale - fa miracoli contro la sporcizia incrostata.
Non importa quale agente di pulizia usate, sfruttate l'aria calda di primavera e aprite le finestre.

 

5_Pulite anche le cose che di solito… “scordate”

Non dimenticate di pulire i contenitori e/o cestelli per frutta e verdura.
Per l’interno del bollitore del tè usate acqua e limone, portata a bollore.
Liberate il tostapane dalle briciole, pulite le molle.
Sgrassate e lavate la cappa dei fornelli, sostituite il filtro a carboni attivi se necessario.
Pulite il forno e il microonde: in questi casi, la chimica ha il suo uso, come pure per i bruciatori del fornello. I detergenti specifici in schiuma che si trovano in commercio sono ideali per i casi negletti e disperati, ma usateli con parsimonia e solo quando trovate macchie difficili e sporcizia ostinata.
Non trascurate muri e soffitti per togliere polvere ed eventuali ragnatele, controllate il tubo del gas per piccole crepe e incrinature della gomma per evitare che il metano possa fuoriuscire.

 

6_Non dimenticate l’interno del frigorifero

Mettete gli alimenti in borse frigo con siberini (tavolette refrigeranti), ben chiuse, buttando quelli scaduti o semplicemente di brutto aspetto.
Smontate e lavate ripiani, cassetti e portaoggetti.
Poi pareti, fondo e soffitto, usando acqua calda e una goccia di sapone per le stoviglie. Asciugate con un telo e infine sanitizzatelo con una passata di aceto o bicarbonato. Lasciate qualche cucchiaio di bicarbonato in una ciotolina, in un angolo del frigorifero: lo preserverà da odori sgraditi.
Una volta che il vostro frigo è lindo chiudete la porta, senza riaprirla per 1-2 ore. Poi rimettete gli alimenti, avendo cura di mettere davanti quelli con la scadenza più prossima.
Scongelate il freezer, spegnendolo e lasciandolo aperto: buttate quanto è scaduto o appare compromesso. Se il vostro modello ha bisogno di essere sbrinato, seguite le indicazioni sul libretto di istruzioni.
Mettete i surgelati in sacche o borse frigo con i siberini, pulite i cassetti e il portaghiaccio.
Una volta pulito il tutto, riaccendete il freezer e attendete 2-3 ore prima di rimettere dentro il cibo.

E adesso godetevi la vostra cucina scintillante!

 

 

Giulia Paganelli
marzo 2017

Condividi

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it