Cannella, profumo d’inverno

Cannella, profumo d'inverno

Torte, biscotti, cioccolata calda, ma anche spaghetti e spezzatini! La cannella regala intensità e carattere a molte preparazioni invernali, da cui farsi coccolare e conquistare.

Pinterest
stampa
cannella
Sale&Pepe

Se c’è un profumo capace di richiamare immediatamente immagini d'inverno e di portarci in atmosfere calde e confortevoli è senza dubbio quello della cannella. Provate a pensare a una tazza di vin brulé fumante o all’aroma che si sprigiona da una fetta di pan di spezie, lì ritroverete tutta la “magia” della cannella.

Questa spezia è tra le più antiche conosciute e usate in cucina, viene nominata persino nella Bibbia e ci sono tracce della sua presenza nell’antico Egitto. Il nome cannella fa riferimento alla tipica forma a canna che viene data ai fogli di corteccia della pianta per conservarli ed essiccarli. Il tipico bastoncino, infatti, si forma dalla sovrapposizione di questi sottilissimi fogli che vengono arrotolati e infilati uno dentro l’altro. In commercio si trova anche in polvere ma ha minore intensità aromatica rispetto ai bastoncini.

Moltissime le virtù di questa spezia, come ci hanno spiegato Simona Recanatini e Sonia Sassi, autrici del libro “I sapori dimenticati”: “Un tempo la cannella era considerata altamente afrodisiaca e oggi è apprezzata per tante altre proprietà. Ha potere antiossidante e proprietà antibatteriche, svolge un’azione calmante antispastica, aiuta ad abbassare glicemia, trigliceridi e colesterolo cattivo, migliora la digestione e dà sollievo in caso di nausea. È utile anche per combattere il raffreddore, alzare la pressione sanguigna, alleviare i dolori mestruali, contrastare la fame nervosa e “scaldare” il fisico, contiene infatti una sostanza, l’aldeide cinnamica, che stimola la termogenesi e fa aumentare il dispendio energetico”.

112625La cannella è protagonista della pasticceria invernale, in particolare in dolci del Nord Europa come il pan di spezie e i kanelbullar (i panini alla cannella). Se è impossibile pensare allo strudel di mele o ai lebkuchen (i tradizionali biscotti speziati che si preparano in Germania per Natale) senza associarli immediatamente all’aroma della cannella, meno frequente è invece immaginare l’utilizzo di questa spezia in preparazioni salate. Invece già dall’epoca dei romani la cannella veniva impiegata per insaporire spezzatini o stracotti di carne di manzo e si abbina perfettamente in ricette con la cacciagione.

A sorpresa, ci raccontano ancora Simona e Sonia, “la cannella fa capolino in primi piatti come la nociata, una pasta con noci spezzettate che si serve in alcune zone del Lazio durante le feste natalizie, e in spaghetti di origine romanesca conditi con ricotta stemperata nel latte e spolverata con zucchero e cannella”.

Un pizzico di cannella profuma e caratterizza piacevolmente anche tè, cioccolata calda, liquori, nonché i famosissimi vin brulé e sangria.

È quindi il momento giusto per scegliere una ricetta, tirare fuori dalla dispensa il barattolo con i bastoncini e riempire la cucina dell’inconfondibile profumo di cannella! Noi vi suggeriamo di accendere il forno per preparare la torta di mele di Marco, ricetta tratta dal libro “I sapori dimenticati” e dono di un amico delle autrici. È una torta semplice, di famiglia, di quelle che si passano di generazione in generazione e hanno il potere di confortare e riscaldare nelle giornate più fredde dell’anno.

Torta di mele di Marco

Ingredienti per 4-6 persone

1,5kg di mele

500g di farina

250g di zucchero

250g di burro

5 tuorli

scorza di limone bio

cannella in polvere, sale

Procedimento

Sbucciate le mele e tagliatele a fettine. Fatele cuocere con 4 cucchiai di zucchero e una generosa spolverata di cannella. Mettete insieme tutti gli altri ingredienti per preparare una pasta frolla, amalgamandoli senza lavorarli troppo. Una volta formata la classica palla, mettetela in frigorifero per mezz’ora avvolta nella pellicola trasparente. Stendete la pasta con un matterello (se vi aiutate con du fogli di carta forno sarà più facile…) e foderate con metà della pasta una tortiera precedentemente imburrata e infarinata. Verste le mele sulla asta, spolverate ancora con un po’ di cannella e ricoprite con la restante pasta frolla. Sigillate bene i bordi e infornate a 200°C per circa 10 minuti poi proseguite la cottura a 180°C per altri 35 minuti.

Claudia Minnella

Dicembre 2017

Condividi

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it