Vota

MeloneIl melone è il frutto di una pianta erbacea, strisciante, originaria dell’Asia meridionale e dell’Africa tropicale. I frutti sono tipicamente estivi, a eccezione di due varietà, a polpa bianca e buccia verde e gialla, presenti in inverno.

I meloni estivi hanno invece polpa di un bel giallo arancio e buccia gialla e verde. A questo tipo appartengono le varietà «Cantalupo», prendono il nome dalla cittadina laziale in cui furono introdotti, nel XV secolo, dai missionari provenienti dall’Asia e hanno corteccia liscia e venature verde scuro e la «Retata», con scorza «reticolata»; la loro forma può essere ovale o sferica, con poli leggermente appiattiti. Il melone maschio, più gustoso, è individuabile per un punto nero che si trova all’estremità opposta a quella del gambo.

Come riconoscere un melone buono e maturo al punto giusto? Innanzitutto «fiutando» la buccia sui «poli» e in diversi punti per percepirne il profumo e poi premendo la calotta inferiore: se il melone è maturo al punto giusto deve cedere leggermente alla pressione e tornare subito allo stato originale; se è acerbo, invece, è duro e resiste; se è troppo maturo, risulta molle.

Il melone si serve a spicchi, privato di semi e filamenti, oppure tagliato a metà orizzontalmente, mondato e servito con un cucchiaino che verrà usato per scavare la polpa. Si può accostare a cibi salati – è perfetto con il prosciutto crudo – e anche come ingrediente di insalate composte. È ottimo nelle macedonie, nei gelati, nei sorbetti e servito fresco, spruzzato con il Porto.

In Europa, seconda dopo l’Asia per la coltivazione di meloni, l’Italia è tra i maggiori paesi produttori insieme a Spagna, Francia e Romania: le regioni più vocate sono la Lombardia, l’Emilia-Romagna, il Lazio e la Sicilia. Grazie alle colture in serra e alle numerose varietà disponibili, il melone oggi è sul mercato per almeno 5 mesi, da maggio a settembre. A parità di dimensioni scegliete sempre il più pesante e profumato, senza zone cedevoli sulla buccia. Si conserva in frigo per 3-4 giorni.